http://4.bp.blogspot.com/_14vrv7ni7HM/TLYyK0PS85I/AAAAAAAABU8/h4xBT0R8kQU/s1600/20101013225550_D0064009.jpg

 

Arquivo do blog

quinta-feira, 29 de outubro de 2015

IV Pellegrinaggio "Summorum Pontificum" - Immagini dell'Adorazione eucaristica nella Basilica di San Lorenzo in Damaso, della Processione presieduta da dom Jean Pateau, osb, abate di Fontgombault, e della Solenne Messa Pontificale in San Pietro celebrata da S. Ecc.za Juan Rodolfo Laise, O.F.M. Cap., vescovo emerito di San Luis (Argentina) - Roma, 25 ottobre 2015















































Fonte: Album di Facebook Messe pontificale du samedi di François Pierre-Louis

Album di Emanuele Capoferri

mo Piano Sinodo: il commento del Card. Raymond Leo Burke sulla Relatio finalis

cardinal_burke
(di Mauro Faverzani) Riportiamo integralmente , in una nostra traduzione il commento, pubblicato dal National Catholic Register del Card. Raymond Leo Burke, in merito alla Relatio finalis del Sinodo Ordinario sulla Famiglia. Sinodo: il commento del Card. Raymond Leo Burke … Continua a leggere...

DECLARAÇÃO DE D. FELLAY A PROPÓSITO DO RELATÓRIO FINAL DO SÍNODO SOBRE A FAMÍLIA


O Relatório final da segunda sessão do Sínodo sobre a família, publicado no dia 24 de outubro de 2015, longe de manifestar um consenso entre os padres sinodais, é a expressão de um compromisso entre posições profundamente divergentes. São recordados alguns pontos doutrinais sobre o matrimônio e a família católica, mas o texto apresenta também omissões e ambiguidades lamentáveis, especialmente as lacunas abertas na disciplina em nome de uma misericórdia pastoral relativista. A impressão geral que emerge do documento é a de uma confusão que não deixará de ser explorada em forma contrária ao ensinamento constante da Igreja.
Por isso consideramos necessário reafirmar a verdade recebida de Cristo sobre a função do papa e dos bispos (1) e sobre a família e o matrimônio (2). Fazemo-lo com o mesmo espírito que nos levou a apresentar uma súplica ao Papa Francisco antes da segunda sessão deste Sínodo.
1 – A função do papa e dos bispos[1]
Como filhos da Igreja Católica, cremos que o bispo de Roma, sucessor de São Pedro, é Vigário de Cristo e cabeça de toda a Igreja. Seu poder é uma jurisdição em sentido próprio, por cuja razão tanto os pastores como os fiéis das Igrejas particulares, considerados individualmente ou em conjunto, inclusive quando estão reunidos em concílio, sínodo ou conferências episcopais, estão submetidos a ele por um dever de subordinação hierárquica e de verdadeira obediência.
Deus assim dispôs as coisas para que, ao guardar com o bispo de Roma a unidade da comunhão e da profissão da mesma fé, a Igreja de Cristo fosse um só rebanho sob um só pastor. A Santa Igreja de Deus foi divinamente constituída como uma sociedade hierárquica, na qual a autoridade que governa os fiéis vem de Deus por meio do papa e dos bispos que lhe estão submetidos.[2] Continuar lendo 

LOURDES 2015 – BÊNÇÃO DO SANTÍSSIMO E BÊNÇÃO DOS DOENTES

PEREGRINAÇÃO DA FSSPX À LOURDES 2015 – BÊNÇÃO DO SANTÍSSIMO E BÊNÇÃO DOS DOENTES

Mons. Matteo Zuppi Arcivescovo di Bologna


 AGGIORNAMENTO
su Twitter, di Vatican Outsider, si leggono queste parole attribuite a Mons. Zuppi: 

"Per Mons. Zuppi, celebrare la 'Messa in latino' "un gesto di comunione e vicinanza". "Sono favorevole a ogni uscita da ogni chiusura", 
E non c'è da dubitarne. Speriamo e preghiarmo. 

 

Il nuovo Arcivescovo di Bologna, è Sua Eccellenza Rev.ma Monsignor Matteo Maria Zuppi (foto in una delle recenti celebrazioni Pontificali nell'antico rito nella Chiesa romana della Trinità dei Pellegriniqui,qui,qui ). 
"Una voce dicentes" ringraziamo il Signore per tutto quanto ha operato "in spirito di verità e di carità" l'Arcivescovo, da oggi emerito, Cardinale Carlo Caffarra che rimarrà sempre nei nostri cuori e nelle nostre menti come sicuro e solido punto di riferimento dottrinale.
Imperdibile il discorso di oggi che il Card. Caffarra ha fatto dopo la lettura della Bolla di nomina del nuovo Arcivescovo. QUI il video.
Eleviamo preghiere affinchè, per l'intercessione della della Madonna di San Luca, di San Petronio, di San Procolo, di San Domenico e di San Francesco, Patroni della gloriosa Arcidiocesi Bolognese, il compito pastorale che il Signore ha riservato a Sua Eccellenza Mons.Matteo Zuppi  possa essere come luce che risplende davanti agli uomini e "sale della terra" soprattutto per le nuove generazioni.
In diverse occasioni abbiamo avuto modo di apprezzare nell'Urbe l'affettuosa vicinanza che  Mons.Zuppi ha dimostrato verso coloro che erano nella sofferenza:  bisognosi nello spirito e nel corpo. 
Carità sempre elargita nel più assoluto nascondimento secondo il più puro insegnamento evangelico:"quando invece tu fai l'elemosina, non sappia la tua sinistra ciò che fa la tua destra, perché la tua elemosina resti segreta".
Mons.Zuppi ha offerto più volte il suo sincero affetto  anche ai Consacrati e ai Fedeli che con grandi sacrifici dedicano la loro vita al servizio della " bellezza della Liturgia che fa contemplare il Signore trasfigurato nella luce della sua gloria "( Cfr.Lettera del Papa ai partecipanti al IV Pellegrinaggio Romano 2015 Summorum Pontificum)
Ringraziamo con la nostra preghiera il Signore . 
 AC 

La Diocesi di Bologna ha una nuova guida. 
Papa Francesco "ha accettato la rinuncia al governo pastorale dell'Arcidiocesi metropolitana di Bologna" presentata dal Cardinal Carlo Caffarra e ha nominato nuovo arcivescovo monsignor Matteo Maria Zuppi, finora vescovo titolare di Villanova e ausiliare di Roma. 
Lo ha annunciato oggi il Bollettino della Santa Sede e , alle 12 in punto, il cardinale Caffarra ha annunciato in Curia il nome del suo successore. 
Nella sala del Trono in via Altabella si sono riuniti questa mattina i collaboratori che lavorano in Curia e i sacerdoti che hanno un incarico nella Chiesa di Bologna.


...


"CURRICULUM". 

Monsignor Zuppi, ricorda la Santa Sede, è nato a Roma l'11 ottobre 1955; è entrato nel Seminario di Palestrina e ha seguito i corsi di preparazione al sacerdozio all''Universita'' Lateranense, dove ha conseguito il baccellierato in Teologia.
Si è laureato, inoltre, in Lettere e Filosofia all'Università di Roma, con una tesi in Storia del Cristianesimo.
È stato ordinato presbitero per la diocesi di Palestrina il 9 maggio 1981 ed incardinato a Roma il 15 novembre 1988 dal Cardinale Ugo Poletti.
Nel 2006 è stato insignito del titolo di "Cappellano di Sua Santita''.
E' stato inoltre rettore della Chiesa di S.Croce alla Lungara dal 1983 al 2012; membro del Consiglio presbiterale dal 1995 al 2012; viceparroco di Santa Maria in Trastevere dal 1981 al 2000 e dal 2000 al 2010 parroco; dal 2005 al 2010 Prefetto della terza Prefettura di Roma; dal 2000 al 2012 assistente ecclesiastico generale della Comunità di Sant'Egidio; dal 2010 al 2012 Parroco della parrocchia dei SS.Simone e Giuda Taddeo a Torre Angela e dal 2011 al 2012 Prefetto della 17esima Prefettura di Roma.
È, inoltre, autore di alcune pubblicazioni di carattere pastorale.
Nominato vescovo titolare di Villanova e ausiliare di Roma il 31 gennaio 2012, ha ricevuto la consacrazione episcopale il 14 aprile dello stesso anno. “ 

Fonte : Bolognatoday

domingo, 25 de outubro de 2015

Sinodalità permanente: il culmine dello storicismo antropocentrico


Molto è già stato detto nelle discussioni, il resto lo elaborerò gradualmente. Non dimentichiamo che la conclusione del sinodo è consultiva e non deliberativa e dovrebbe vedere il suo compimento nella Esortazione papale finale. Una Esortazione Apostolica ha il suo valore perché, oltre ad esprimere le valutazioni decisive del Papa, è un documento che stabilisce norme e regole, al quale tutto il mondo può - e deve - rivolgersi. Ciò che stiamo vedendo, invece, sembra portarci da tutt'altra parte.

Premessa

Certamente la comunione ai divorziati risposati, di per sé, non è il problema più serio che la Chiesa si trovi ad affrontare; ma è più che evidente che lo si è fatto diventare il tormentone che è perché lo si è reso il cavallo di troia per attentare a due Sacramenti: Eucaristia e Riconciliazione, con altre gravi ripercussioni sulla pastorale latitudinaria e connesso attentato al primato petrino:conciliarità trasformata in sinodalità permanente senza che ci si soffermi per ora sulle contraddizioni che il tutto implica. Questioni che torneremo ad affrontare.
Connotazione ancor più sinistra ed estraniante, proprio nella Ricorrenza di Cristo Re che ha visto anche la conclusione del Pellegrinaggio Summorum Pontificum : nella Processione e nei Vespri hanno cantato le Suore FI, che saranno commissariate a partire da lunedì.