http://4.bp.blogspot.com/_14vrv7ni7HM/TLYyK0PS85I/AAAAAAAABU8/h4xBT0R8kQU/s1600/20101013225550_D0064009.jpg

 

Arquivo do blog

sexta-feira, 30 de junho de 2017

My Testimony of meeting and speaking with Jesus Christ



The Lord has lead me to make this video and share it with you all. Glory to God. In February 2014 I had a powerful and amazing visitation from Jesus Christ that changed my life and outlook profoundly. He is so real, so lovely, so patient, so kind, so ready to listen to you. So ready to comfort you. Do you want to know Him? He can take your cares and burdens and give you life. This isn't a joke. This is the truth. God is real and He loves you. I'm no more special than you or anyone else. There are so many people who have had similar experiences. I'm telling you this out of sincerity and love my brothers and sisters. None of us are perfect so please, let's be kind to one another. Peace be with you all. Praise God.

A PERSONAL RELATIONSHIP WITH JESUS CHRIST


A PERSONAL RELATIONSHIP
 
WITH JESUS CHRIST
Kathy Bernard - Publisher



"I no longer call you slaves, because a master doesn’t confide in his slaves.
Now you are my friends, since I have told you everything the Father told me."
John 15:15:

     
One of the most exasperating questions Catholics encounter in talking with people of other Christian faiths is, "Do you have a personal relationship with Jesus Christ?" 
This appears to be one of those "gotcha" questions because many of us are totally unprepared to answer this query coming at us.   Well meaning, they stand smiling, waiting for a response.  Sadly, some Catholics find this uncomfortable because they are unsure of the words "personal relationship" truly means."
One could simply say,  "When I gave my life to the Lord in faith, He reached out and touched me in the depths of my soul.  It is a living  gift, a personal relationship like none I will ever experience, for it is constant, priceless, and everlasting.  It is an in-dwelling that comes when I accepted Him as Savior.  I believe in Him, recognize and know He is there within me, helping me to stay on His path to eternal life.  He is my everything."  
Father James Farfaglia explains a personal relationship with Christ this way:  "Christianity is not about a what, but about a Whom.  Ultimately, Christianity is about relationship and of course, the greatest relationship of all.  It is about a relationship with the best friend anyone could ever have; Jesus Christ.  He does not tell us about the way, He is the way"  Father James Farfaglia is the founding pastor of Saint Helena of the True Cross of Jesus Catholic Church. He is presently the new pastor of Our Lady of Guadalupe Catholic Church.  Both parishes are located in Corpus Christi, Texas.  Originally from Ridgefield, CT, he has founded and developed apostolates for the Catholic Church in Spain, Italy, Mexico, Canada and throughout the United States.  See a wonderful video with Father Edward L. Beck C.P. speaking on our relationship with Jesus Christ which appears on Father Farfaglia's site.  Please visit:  Called to Relationship: The Happy Priest on Jesus the Good Shepherd - Living F
Pope John Paul II, (Commissioning Families, Neo-Catechumenal Way. 1991), in talking about a relationship with Christ tells us, "The task which awaits you—the new evangelization—demands that you present, with fresh enthusiasm and new methods, the eternal and unchanging content of the heritage of the Christian faith.  As you well know it is not a matter of merely passing on a doctrine, but rather of a personal and profound meeting with the Savior."  He also relates:  "Sometimes (even) Catholics have lost or never had the chance to experience Christ personally: not Christ as a mere ‘paradigm’ or ‘value’, but as the living Lord, ‘the way, and the truth, and the life". —L’Osservatore Romano (English Edition of the Vatican Newspaper), March 24, 1993, p.3.
Some skeptics, however, might ask how is it possible to have a relationship with Jesus Christ if they cannot see Him, or ever met Him?  Others may ask, "Have you ever heard Him speak to you?  They cannot know that He abides in all who believe in Him and He will remain forever with each of us if we remain in absolute faith. 
How is this done?  The special relationship comes with our acceptance of Jesus in our lives as Savior.  He tells us In John 15:15 - 17:  "I no longer call you slaves, because a master doesn’t confide in his slaves. Now you are My friends, since I have told you everything the Father told Me.  You didn’t choose Me. I chose you. I appointed you to go and produce lasting fruit, so that the Father will give you whatever you ask for, using My name. This is my command: Love each other. "   Ephesians 2:19-20 reads:  "Now therefore ye are no more strangers and foreigners, but fellow citizens with the saints, and of the household of God; And are built upon the foundation of the apostles and prophets, Jesus Christ himself being the chief corner stone."  It is the Holy Spirit abiding in us and our acceptance that brings us into a personal relationship with Jesus Christ.    
On Sep 3, 2008  (Zenit.org)  Pope Benedict XVI,  reflecting on the 12th century St. Bernard of Clairvaux during a speech to a general audience, he highlighted his own personal relationship with Christ.  Then he related that "the Abbot of Clairvaux  did not tire of repeating that only one name counts, that of Jesus the Nazarene.  The Abbot tells,  "All food of the soul is dry", he professed, "unless it is moistened with this oil; insipid, unless it is seasoned with this salt. What you write has no savour for me unless I have read Jesus in it . And he concludes: 'When you discuss or speak, nothing has flavor for me, if I have not heard resound the name of Jesus.'  The Pope said Bernard's concept of true knowledge of God consists in a 'personal, profound experience of Jesus Christ and of His love.'  (In Canticum Sermones XV, 6: PL 183, 847)
Continuing, Pope Benedict states, "in a more than decisive way, the abbot of Clairvaux configures the theologian to the contemplative and the mystic.  'Only Jesus' --insists Bernard in face of the complex dialectical reasoning of his time -- 'only Jesus is 'honey to the mouth, song to the ear, joy to the heart.'  "Ideas like this one, noted the Pontiff, won the saint his traditional title: "Doctor Mellifluus"; his praise of Jesus Christ, in fact, 'runs like honey'."  
"And this, dear brothers and sisters," the Pope declares, "is true for every Christian: Faith is above all a personal, intimate encounter with Jesus, and to experience his closeness, his friendship, his love; only in this way does one learn to know him ever more, and to love and follow him ever more. May this happen to each one of us."  - Pope Encourages Relationship With Christ
Yet again, speaking to the pilgrims gathered at the Paul VI Hall at Vatican City, Sep 3, 2008 , Pope Benedict turned his attention to the conversion of St. Paul, which he said shows us that Christianity is not “a new philosophy or a new form of morality,” but an encounter with the person of Christ, an event that ignites a personal relationship with Him. For us," the Pope tells, "....Christianity is not a new philosophy or a new form of morality.  We are only Christians if we encounter Christ, even if He does not reveal Himself to us as clearly and irresistibly as He did to Paul in making him the Apostle of the Gentiles.  We can also encounter Christ in reading Holy Scripture, in prayer, and in the liturgical life of the Church - touch Christ's heart and feel that Christ touches ours.  And it is only in this personal relationship with Christ, in this meeting with the Risen One, that we are truly Christian. Christianity is a Personal Encounter  

St. Bernard of Clairvaux was born in 1090 in Fontaines, France and died in 1153.   Conversion, for St. Bernard of Clairvaux meant not simply renouncing the world—it ushered believers into a deeply personal friendship with Jesus.   Bernard allowed no lukewarm or halfhearted faith in the Cistercian movement, which he helped to spearhead during his lifetime. He wanted to ensure that anyone joining a Cistercian community was soundly converted and passionately pursuing Jesus. Similar to missionary movements and campus ministries of our time, the Cistercians constituted a cadre of radical servants of Christ in the twelfth century.
Our relationship with Jesus is very personal.  Let no one tell you otherwise. Yet it holds no jealousy nor possessiveness.  A true believer wants all to have this relationship; they crave for all to have it because Jesus commanded us to spread His Precious Word.... to bring His word to all who will listen and know that He is real and alive, and one day He will return to take all who believe and follow His teachings to meet God, our Heavenly Father.  

Jesus Christ sees you, hears you, speaks with you, and walks with you.  The true Christian experiences this.  He is there to bless those who want to share in His love.  And so, with our faith, we share this very personal relationship with the only One Who can opens the gates of heaven for us, and Who will welcome us into His Father's kingdom.  No human person nor entity can do that.  Only He is the One Who paid for our human sin with His blood that entitles us to eternal life.  Many precious followers may die for His Truth but none other than Christ Jesus, the Son of the Living God, can give us salvation and entry into heaven.

This relationship with Jesus is real.  Before His death on the cross, in the intimacy of the Upper Room where He imparted to His dear friends His last words before His Passion and Resurrection, He said: "If you love Me, keep my commandments"(John 14: 15).  And as affirmation, He tells us in Matthew 26:26-28,  "As they were eating, Jesus took some bread and blessed it.  Then He broke it in pieces and gave it to the disciples, saying, “Take this and eat it, for this is My Body.  And He took a cup of wine and gave thanks to God for it.  He gave it to them and said, “Each of you drink from it,  for this is My Blood, which confirms the covenant  between God and His people.  It is poured out as a sacrifice to forgive the sins of many."   He tells us, "I am the vine; you are the branches. He who abides in Me, and I in him, bears much fruit, for apart from Me you can do nothing." - John 15:5 
And so, as our faith strengthens, so does our relationship with Jesus Christ, and we must strive to let that relationship be a circle encompassing Jesus Christ and His Church not only through obedience to Him but accepting worthily the body and the blood of Jesus Christ.

 
"My sheep listen to my voice; I know them, and they
follow me."  - John 10:27

quinta-feira, 29 de junho de 2017

Scarica il documento in formato zip IL LIBRO DELLA GRAZIA SPECIALE RIVELAZIONI DI SANTA METILDE VERGINE DELL'ORDINE DI S. BENEDETTO








VERGINE DELL'ORDINE
DI S. BENEDETTO


Akita: i messaggi della Beata Vergine Maria a suor Agnese Sasagawa



La statua della Beata Vergine Maria presso il convento delle Serve dell'Eucarestia ad Akita
(la statua, nel corso degli anni, ha fatto registrare numerosi fenomeni soprannaturali)



Messaggio del 6 luglio 1973 (prima apparizione)
"Figlia mia, mia novizia, mi hai obbedito bene abbandonando tutto per seguirmi. E’ dolorosa l’infermità alle tue orecchie? La tua sordità sarà guarita, stanne certa. La ferita alla tua mano ti fa soffrire? Prega in riparazione ai peccati degli uomini. Ogni persona in questa comunità è la ma insostituibile figlia. Recitate bene la preghiera delle Serve dell’Eucarestia? Allora recitiamola insieme:
Sacratissimo Cuore di Gesù, realmente presente nella Santa Eucarestia, io consacro il mio corpo e la mia anima per essere interamente uniti con il Tuo Cuore che viene sacrificato in ogni istante in tutti gli altari del mondo, dando lode al Padre e invocando la venuta del Suo Regno. Ti prego, ricevi l’umile offerta di me stessa. Usami come desideri per la gloria del Padre e per la salvezza delle anime.
Santissima Madre di Dio, non farmi essere separata dal tuo Divino Figlio. Ti prego, difendimi e proteggimi come tua figlia particolare. Amen".
Alla fine della preghiera la voce dice:
"Prega molto per il Papa, i vescovi e i preti. Dal momento del tuo Battesimo hai sempre pregato per loro con fede. Continua a pregare molto, moltissimo. Racconta al tuo superiore tutto quello che è successo oggi e obbedisci a tutto ciò che ti dirà. Egli ha chiesto che tu preghi con fervore".

Messaggio del 3 agosto 1973 (seconda apparizione)
"Figlia mia, mia novizia, ami il Signore? Se ami il signore ascolta quello che ho da dirti. E’ molto importante. Lo riferirai al tuo superiore.
Molti uomini in questo mondo fanno soffrire il Signore. Io desidero anime che lo consolino per placare la collera del Padre Celeste. Desidero, con Mio Figlio, anime che dovranno riparare, per mezzo della loro sofferenza e della loro povertà, per i peccatori e gli ingrati.
Affinché il mondo possa conoscere la Sua ira, il Padre Celeste si sta preparando a infliggere un grande Castigo su tutta l’umanità.
Con Mio Figlio sono intervenuta tante volte per placare l’ira del Padre. Ho impedito l’arrivo di calamità offrendogli le sofferenze del Figlio sulla Croce, il Suo prezioso sangue e le anime dilette che Lo consolano formando una schiera di anime vittime. Preghiera, penitenza e sacrifici coraggiosi possono attenuare la collera del Padre. Io desidero anche questo dalla vostra comunità…che ami la povertà, che si santifichi e preghi in riparazione per l’ingratitudine e le offese di tanti uomini.
Recitate la preghiera delle Serve dell’Eucarestia consapevoli del suo significato. Mettetela in pratica; offrite in riparazione per i peccati tutto ciò che Dio può mandare. Fai in modo che tutte si sforzino, secondo le capacità e la posizione, di offrirsi interamente al Signore.
Anche in un istituto secolare la preghiera è necessaria. Già le anime che vogliono pregare stanno per essere radunate. Senza dare troppa importanza alla forma, siate fedeli e ferventi nella preghiera per consolare il Maestro".
E dopo un attimo di silenzio:
"Quello che pensi in cuor tuo è vero? Sei sinceramente decisa a diventare la pietra scartata? Mia novizia, tu che desideri appartenere senza riserve al Signore per diventare la degna sposa dello Sposo, fai i tuoi voti sapendo che devi essere appesa alla croce con tre chiodi. Questi tre chiodi sono: povertà, castità e obbedienza. Dei tre l’obbedienza è fondamentale. Nel totale abbandono, fatti guidare dal tuo superiore. Egli saprà come capirti e indirizzarti".

Messaggio del 13 ottobre 1973 (terza e ultima apparizione)
"Mia cara figlia, ascolta bene ciò che ho da dirti. Ne informerai il tuo superiore".
Dopo un attimo di silenzio la Madonna continua dicendo:
"Come ti ho detto, se gli uomini non si pentiranno e non miglioreranno se stessi, il Padre infliggerà un terribile castigo su tutta l’umanità. Sarà un castigo più grande del Diluvio, tale come non se ne è mai visto prima. Il fuoco cadrà dal cielo e spazzerà via una grande parte dell’umanità, i buoni come i cattivi, senza risparmiare né preti né fedeli. I sopravvissuti si troveranno così afflitti che invidieranno i morti. Le sole armi che vi resteranno sono il Rosario e il Segno lasciato da Mio Figlio. Recitate ogni giorno le preghiere del Rosario. Con il Rosario pregate per il Papa, i vescovi e i preti.
L’opera del diavolo si insinuerà anche nella Chiesa in una maniera tale che si vedranno cardinali opporsi ad altri cardinali, vescovi contro vescovi. I sacerdoti che mi venerano saranno disprezzati e ostacolati dai loro confratelli…chiese ed altari saccheggiati; la Chiesa sarà piena di coloro che accettano compromessi e il Demonio spingerà molti sacerdoti e anime consacrate a lasciare il servizio del Signore. Il demonio sarà implacabile specialmente contro le anime consacrate a Dio. Il pensiero della perdita di tante anime è la causa della mia tristezza. Se i peccati aumenteranno in numero e gravità, non ci sarà perdono per loro.
Con coraggio, parla al tuo superiore. Egli saprà come incoraggiare ognuna di voi a pregare e a realizzare il vostro compito di riparazione. E’ il vescovo Ito, che dirige la vostra comunità".
E dopo aver sorriso aggiunge:
"Hai ancora qualcosa da chiedere? Oggi sarà l’ultima volta che io ti parlerò in viva voce. Da questo momento in poi obbedirai a colui che ti è stato inviato e al tuo superiore.
Prega molto le preghiere del Rosario. Solo io posso ancora salvarvi dalle calamità che si approssimano. Coloro che avranno fiducia in me saranno salvati".

Le informazioni sulle apparizioni di Akita sono tratte dalle seguenti fonti:
"The Thunder Of Justice" di Ted and Maureen Flynn, MaxKol Communications, Inc.;"The Woman and the Dragon - Apparitions of Mary" di David M. Lindsey, Pelican Publishing Company;
"La Dame de tous les Peuples" di Raoul Auclair in Le Royaume, n° 55;
"Apparitions of Our Lady", "The Community of the Lady of All Peoples", "Apparitions of Jesus and Mary", " Miracle of the Rosary Mission" e "Medjugorje Miracles and Wonders".

Aspetti della vita d'unione con Maria nell'esperienza di alcuni mistici



Essere «Gesù» per Maria
Data: Lunedi 7 Luglio 2014, alle ore 18:29:01
Argomento: Spiritualità

Aspetti della vita d'unione con Maria nell'esperienza di alcuni mistici, dal libro di Severino Ragazzini, Maria vita dell'anima. Itinerario mariano alla SS. Trinità, Casa Mariana, Frigento 1984, pp. 396-404.



Anche quest'altro aspetto della più perfetta vita mariana ha ormai una considerevole letteratura. Molto compatta ed omogenea. Pare anzi che oggi stia prendendo il sopravvento sul primo (Essere «Maria» per Gesù), grazie forse alla entusiastica divulgazione di cui è stata fatta oggetto dal Marianista Neubert che si ispira al Ven. Chaminade.

1. SERVA DI DIO SUOR MARIA DI S. TERESA (623-1677).Pare che la Terziaria Carmelitana sia la prima a presentare questo particolare aspetto della vita mariana. E lo fa con espressioni molto forti. Anche teologicamente. Lo Spirito di Gesù che in noi grida «Abba, Pater» è lo stesso che in noi grida «Mamma, Mamma»: «Quando l'Eterno Padre comunica ai nostri cuori lo Spirito del suo Figlio, questi, gridando «Abba, Pater», realizza in noi una tenerezza, un amore di figli verso il Padre Celeste; nello stesso tempo questo Spirito del Figlio realizza una tenerezza ed un amore di figli verso questa infinitamente dolce ed amabile Madre. In questo senso, l'eterno Padre invia anche nei vostri cuori lo Spirito del suo Figlio il quale grida Mamma, Mamma[...]. Poiché è un solo e medesimo Spirito - lo Spirito di Cristo - che suscita nelle anime questo amore filiale e questa vita in Maria, come suscita amore filiale e una vita in Dio. E tutto questo secondo la stessa maniera nella quale ciò fu realizzato in Gesù. Ciò è misterioso e preferisco mantenere un santo silenzio. Ma ciascuno ne può fare l'esperienza nella misura del suo amore»1. Simile atteggiamento verso Maria è graditissimo a Dio il quale infonde sempre più affetto, aumentando così nell'anima mariani sentimenti di pietà filiale di Gesù verso Maria: «Iddio agisce a volte in maniere molto diverse sulle potenze della mia anima. Allora io resto passiva, ben risoluta a rimettermi all'incommensurabile grandezza di Dio. Improvvisamente poi mi infonde un tenero, dolce e filiale amore verso l'amabile Madre e mi detta esclamazioni amorose»2.


2. S. GIOVANNI EUDES (1641-1680).Questo santo, fedele eco e continuatore della Scuola Francese tutto preso dal mistero della unione di Gesù con Maria: «Gesù e Maria sono legati insieme così strettamente che chi vede Gesù vede Maria, chi ama Gesù ama Maria, chi ha devozione a Gesù ha devozione a Maria».Una simile misteriosa unione, lo porta a rivolgersi alla Madonna come a Lei si rivolgeva Gesù stesso: «... siccome, o Gesù, io non vi posso pensare, senza vedere Colei che è assisa alla vostra destra, che vi ha formato, santificato e fatto regnare dentro di sé in una maniera così ammirabile e nella quale voi siete stato sempre vivente e regnante perfettamente, io la saluto ed onoro..4. Più esplicitamente poi dice che tale unione non è indifferente le anime, adombrando molto bene l'atteggiamento che esse devono assumere nei confronti di Maria: «Noi dobbiamo continuare le virtù e portare in noi i sentimenti d'amore, di pietà e di devozione che lo stesso Gesù ha avuto verso la sua Beata Madre. Ora Lui l'ha amata perfettamente»5.

3. VEN. GUGLIELMO CHAMINADE (1761-1850).Riprodurre la pietà filiale di Gesù verso la Madonna è il tratto più saliente e più caratteristico della spiritualità mariana del Venerabile e dell'Istituto da lui fondato: la Società di Maria. Alla base di tutto, lo Chaminade pone una appartenenza totale ed irrevocabile a Maria. Ma non una appartenenza qualunque. Anche lui, discepolo della Scuola Francese, insiste fortemente sulla imitazione di Cristo: appartenere quindi a Maria come Le è appartenuto Cristo, rinnovando la sua pietà filiale verso Maria. Nessuno ha sintetizzato ed applicato meglio il pensiero dello Chaminade come il Padre Neubert, suo degno figlio spirituale6: «Se la qualità di figli di Maria è una partecipazione a quella stessa di Gesù, la nostra pietà filiale verso di Lei non può non essere una partecipazione alla pietà filiale di Gesù. Il Cristo non è per noi soltanto un modello esteriore. Egli non si accontenta di passare davanti a noi. Egli vive in noi e ci fa vivere della sua vita. Come la linfa che circola nei tralci della vita viene dal ceppo; come l'attività che anima le membra del corpo viene dal Capo, così i nostri sentimenti verso Maria ci sono comunicati da Gesù. " Io vivo; no, non sono più io che vivo, ma è Cristo che vive in me" (Gal. II, 20)... "Io amo Maria; no, non sono più io che l'amo, è Cristo che l'ama in me ". Noi praticheremo la pietà filiale verso Maria studiando le disposizioni di Gesù verso la Madre e procurando di riprodurle nel modo più perfetto»;7«Perché Gesù possa liberamente e pienamente vivere in noi occorre da parte nostra la cooperazione per togliere gli ostacoli che ne arrestano l'azione e per sottoporre al suo influsso le risorse che l'agevolano, occorre che noi lavoriamo a conformare i nostri pensieri, i nostri sentimenti, la nostra volontà ai suoi pensieri, ai suoi sentimenti, alla sua volontà: in una parola, a sostituire la nostra vita interiore con la sua, "a sentire con gli stessi sentimenti di Gesù" (Filip., II, 5). S. Paolo dice... " Io completo nella mia carne ciò che manca alle sofferenze di Cristo " (Col. I, 24). Nulla certamente manca... da parte di Cristo, ma vi manca qualche cosa dalla parte di Paolo, membro di Cristo. Nelle membra di Cristo le sofferenze di Cristo non saranno complete finché non avranno compiuto tutte le disposizioni del loro Capo... Praticare questa devozione a Maria che cosa è se non lo sforzo di completare ciò che manca ancora in noi alla pietà filiale di Gesù verso la nostra Madre ?... L'ideale che Dio pone innanzi ai nostri occhi... è soprattutto di amare Maria come Gesù l'ha amata, con lo stesso oggetto con cui egli l'ha amata e continua ad amarla in cielo.... Può esservi un attitudine verso Maria migliore di quella assunta da Gesù? Questa forma di devozione a Maria è la più perfetta in se stessa ed è la più gradita a Gesù e a Maria»8. Anche nello Chaminade, pare si trovino ambedue gli aspetti questa perfetta devozione a Maria. Parla infatti anche di essere Maria per Gesù: «Maria ha preso cura dell'infanzia di Gesù e si è associata a tutti stati della vita... di Gesù, gli eletti non raggiungeranno la pienezza dell'età perfetta se non in quanto Maria sarà per loro ciò che è stata per Gesù»9.

4. VEN. GIACOMO LIBERMANN (1802-1852).Con espressioni tipicamente improntate alla scuola berulliana documenta molto nettamente la sua esperienza mariana su questo punto. Annientarsi in Gesù per essere ancora e sempre Lui in Maria, per Maria e con Maria: «Che noi siamo ciechi, paralizzati ed annientati in noi stessi e per stessi e che lo Spirito di Gesù sia ogni occupazione, ogni movimento e tutta la vita in noi per unirci e costituire come una cosa sola con Lui in Maria, per Maria e con Maria»10; «Niente in noi sia per noi e nostro, ma tutto sia per Gesù e di Gesù per Maria e con Maria la cui carità deve riempire tutte le nostre anime. Siate tutte di Gesù per Maria e con Maria; il resto non conta. Siate tutte di Lui in Maria, per Maria, con Maria»11.

5. S. TERESA DEL BAMBINO GESÚ (1873-1897).Nella sua infantile semplicità, la piccola Santa ha trovato un sistema semplicissimo per piacere a Maria: trasformarsi in Gesù Bambino e comportarsi con Lei come si comportava Lui. Nessuno, infatti, meglio di Gesù Bambino, ha realizzato la vita mariana. Ecco una testimonianza audace, ma che non si può prendere leggera. Come Gesù Bambino, vorrebbe succhiare il latte verginale di Maria e lo prega di invitarla all'invidiabile convito: «Ricordati, 0 Gesù Bambino, che preferivi le braccia di Maria al trono regale e per sostenere la tua vita non avevi che il latte verginale. A questo convito d'amore che ti dona tua madre, degnati di invitarmi Gesù, mio piccolo fratello»12. Altra esperienza: per far piacere a Gesù, facendo la S. Comunione, si fa sostituire dalla Madonna e poi, per far piacere alla Madonna, si unisce al godimento di Gesù per tanta degna preparazione: «La supplico di piantare Essa stessa un'ampia tenda degna del Paradiso, di abbellirla poi coi suoi propri ornamenti... Mi sembra allora che Gesù sia contento di vedersi così magnificamente ricevuto e sono contenta anch' io»13. Altre volte, preoccupata di far piacere al massimo al Bambino Gesù, prega Maria perché voglia prendere Lei il suo posto e trattare Lei direttamente con Gesù. Così da Maria si fa presentare a Gesù il giorno della sua Professione Religiosa: «La Natività di Maria! Che bella solennità per divenire Sposa di Gesù! Era la piccola Madonnina di un giorno che presentava il piccolo Gesù, il suo piccolo fiore»14, Ma molto più preziosa quest'altra testimonianza che risponde così bene allo spirito della piccola Santa. All'inizio della propria esistenza, il bambino non si distingue dalla mamma: un solo cuore anima due vite differenti, un medesimo sangue nutre due vite distinte, tutte le risorse vitali della madre sono a disposizione del bimbo. S. Teresina ha voluto ottenere una identificazione analoga con Maria nella vita soprannaturale. Chi ne ha beneficiato maggiormente, Gesù Ostia che è ritornato a riposare nel seno della sua Mamma: «Il tesoro della mamma appartiene al figlio ed io sono tua figlia, o mia cara Mamma .. Pertanto le tue virtù, il tuo amore non sono forse miei? Cosi, quando nel mio cuore scende la bianca Ostia, Gesù, il tuo dolce agnello, crederà di riposare in te»15.


6. SERVA DI DIO SUOR JOSEFA MENENDEZ (1890-1923).Questa Religiosa coadiutrice dell'Istituto del S. Cuore, latrice di un messaggio del Cuore di Gesù al mondo, chiese un giorno alla Madonna una preghiera che facesse tanto piacere a Gesù. Soddisfatta nel suo desiderio, si sentì avvicinare da Gesù il quale, facendo eco alla delicatezza della sua Madre, le suggerì una preghiera che avrebbe fatto tanto piacere alla Madonna. In quest'ultima si leggono le seguenti espressioni: «Sono tua figlia e siccome l'impotenza mia è tanto grande, prenderò gli ardori del Cuore del tuo Divin Figlio: von lui ti saluterò come la più pura delle creature»16; «Ora, Josefa, puoi lodare la Madre con le parole del Figlio e il Figlio con quelle della Madre..»17.

7. SERVA DI DIO M. MARIA DI S. CECILIA DI ROMA (1897-1929).Anche nella autobiografia di questa Religiosa si denota la preoccupazione di non piacere abbastanza a Maria. Perciò prega Gesù a voler intervenire per amarLa Lui come merita: «O Gesù, io voglio vivere e morire apostola d'amore, vittima d'amore, martire d'amore. Per accontentarmi bisogna che T'ami col tuo Cuore divino, voglio poi amare Maria, mia buona Madre, come Tu l'ami»18. Altre volte invece è preoccupata di non piacere abbastanza a Gesù. Allora è Maria che deve intervenire: « ... io sono sicura di glorificare il buon Dio in Cielo come egli desidera da me. Le mie mancanze, le mie miserie sono grandi ed incalcolabili, la mia Madre è là per ricoprirmi del suo mantello di perfezione e per mi Gesù con i suoi meriti infiniti»19. Altre volte ancora sente il bisogno di dar libero sfogo ad ambedue i sentimenti contemporaneamente: essere Maria per Gesù, essere Gesù per Maria: «Io mi raffiguro ciascuno dei miei affetti come un anello. Due anelli principali, di una bellezza abbagliante, sono incatenati l'uno nell'altro e sono Cristo e la Vergine... Può forse amarsi più e meglio che col Cuore di Gesù e con quello di Maria?»20; «Mio Gesù, oh quanto ti amo! Voglio vivere e morire martire d'amore, vittima d'amore, apostola d'amore, per te solo, mio Dio! Maria, mia Madre, tu, che amo tanto, fammi la grazia di amar sempre Gesù, di amare Gesù col tuo cuore e di amare te col suo»21.

8. SERVO DI DIO DON EDOARDO POPPE (1090-1924).Anche in questo Servo di Dio si trovano ambedue i sentimenti prima separatamente e poi contemporaneamente, con alcune sfumature veramente belle e degne di considerazione. Desidera essere Maria per Gesù: «Contemplo Gesù-Ostia con gli occhi e col cuore di Maria... Vedo Gesù contemplando Maria... »22; «L'anima si studierà di pregare con le stesse disposizioni di cuore di Maria e di divenire Maria stessa per Gesù. Guardate Gesù-Ostia come lo guarderebbe Maria, desideratelo col suo cuore e col suo amore, donatevi a Gesù e siate tutto di Lui come era di Lui Maria..23. Molto più belle quest'altre espressioni ove non solo dice di voler essere Gesù per Maria, ma giunge fino a desiderare di essere come un Gesù vivente in Maria con tutti i suoi sentimenti di Figlio alla Madre: «Che Gesù rimanga in ispirito presso di me e si mostri nel mio volto agli occhi di coloro che istruisco... Che io non prenda il posto di Gesù e faccia passare per mia la sua forza. Che Gesù viva in me e parli per bocca mia... affinché coloro che mi ascoltano, ascoltino la voce di Gesù, non la mia, che lodino Gesù in me, che ammirino la sua forza nella mia debolezza, che io possa vivere come un Gesù vivente in Maria... »24. Ad un certo punto poi la sua spiritualità prese definitivamente quest'altro aspetto: diventare Maria per Gesù, ossia prendere in se le disposizioni interiori di Maria a tal segno che Maria nelle anime realmente rivolga preghiere e sospiri al suo Divin Figlio; e, viceversa, mostrarsi e presentarsi a Maria come avvolti e coperti dalla vita di grazia di Gesù: «Andate dunque là (in Maria) a trovare Gesù; diventate là Gesù per i vostri figli. Siate dunque Gesù per Maria e siate Maria per Gesù»25.

9. SERVO DI DIO P. GIUSEPPE SCHELLHORN (1869-1935).Il celebre maestro del Noviziato dei Marianisti, immedesimato dello spirito del Ven. Chaminade, ripetutamente e con molto fervore spiega ai suoi novizi che l'omaggio più bello e gradito che si possa offrire alla Madonna è quello di riprodurre la pietà filiale di Gesù verso di Lei. Perciò faceva loro recitare tutti i giorni la seguente preghiera: «O buon Gesù, per l'amore col quale amate vostra Madre, concedetemi, ve ne prego, di amarLa veramente come voi L'amate veramente e volete che sia amata»26.


10. SERVO DI DIO FRATEL LEONARDO (1877-1946).Forse poche anime mariane hanno vissuto tanto profonda ed esperimentato tanto a lungo, come ha fatto questo Fratello Scuole Cristiane, tale peculiare aspetto della devozione mariana. Pare quasi che sia divenuta una sua caratteristica. Anche lui è portato a divenire Gesù per la Madonna, proprio per essere sicuro di essere molto gradito a Lei: «Nella pena che provo di non amarvi tanto quanto vorrei e quanto meritate, o mia cara Madre, io vi offro l'amore che aveva per voi il divin Figlio, Gesù: quale tenerezza...!»27. E nessuno potrà essere gradito a Maria come Gesù, perché nessuno ha vissuto meglio la vita mariana: «Come Gesù, vivere la mia vita mariana; essere Gesù per amarLa, venerarLa, lodarLa come Lui lo farebbe al posto mio. O datemi un cuore di figlio per voi. Che io sia un altro Gesù ivi compresa la mortificazione e l'umiltà. Essere Gesù per la sua amata Mamma: dire l'Ave come Lui la diceva; guardarLa come Lui La guardava; obbedirLa come Lui Le obbediva»28. Certo, nessun altro atteggiamento può essere più gradite Gesù che a Maria: «Con Gesù, vivere la mia vita mariale; dare al Figlio la gioia deliziosa di poter amare ancora sulla terra per mezzo mio ed in me la sua Mamma; e alla Mamma, quella di vedere suo Figlio rivivere in me. Quale soave pensiero!»29. Ed ecco che cosa si esperimenta quando si viene elevati simile stato: «Vita Mariale: Gesù, per mezzo mio, si congratula con la sua Mamma per la sua Concezione Immacolata. Unirmi a Gesù vivente in Maria benedicendoLa, ringraziandoLa, amandoLa, facendoLa conoscere. Con Gesù in culla, amare Maria sua Madre, lodarLa, ringraziarLa»30. Fino al punto che può esclamare, senza la minima esitazione: «Non sono io più che servo la SS.ma Vergine: preghiere, saluti, zelo per il suo culto.....è Gesù che L'ama, L'onora, La prega per me...»31.

Simili esperienze - nel duplice loro aspetto, come presentate -  non possono lasciare indifferenti. Sono troppo belle per non affascinare irresistibilmente. A tali altezze la Madonna eleva le anime mariane. Ma con tali esperienze si intravvedono già i primi sintomi della purificazione passiva con la quale si entra in piena fase mistica e definitivamente.Per questa ragione, sono state qui riportate solo alcune testimonianze, le più significative, rimettendone molte altre ai seguenti capitoli dove, forse, troveranno un posto più adatto e quindi saranno meglio comprese e valutate. Ogni qualvolta si apre e si legge un libro di ascetica, non si può fare a meno di sentire, almeno in un primo tempo, un istintivo senso di avversione e di antipatia più o meno grande. É il proprio io che si ribella all'idea di dover indietreggiare fino a scomparire. C'è chi definisce questo atteggiamento un senso istintivo di conservazione. Per queste ragioni, e per altre ancora, la maggior parte delle anime chiamate alla perfezione, dopo i primi sporadici tentativi, abbandonano tutto e ritornano ad una vita frivola ed insignificante. Quanto diversa invece sarebbe stata la loro sorte e come avrebbero perseverato nel santo proposito se avessero conosciuto l'ascetica sotto questa luce fin dall'inizio; se le tinte nere della mortificazione, della rinuncia e della morte del proprio io si fossero subito colorate di Maria! La mistica moderna, riservando a Maria sempre più posto nella formazione alla santità, rende un grande servizio alle anime: prova ne sia la sempre crescente fioritura di anime sante. E non solo nei Chiostri! E' questo il secolo di Maria. Quindi della santità mariana, dell'ascetica e della mistica mariana. E non si parli di decadenza o di rilassamento del concetto genuino di ascetica, altrimenti tale accusa toccherebbe direttamente la Madonna. Le sue vie sono materne. Soprattutto materne.

NOTEL'Union Mystique à Marie, 56.
Ivi, 80.
3 Barbé L., La Vierge dans la Congrégation de Jésus et Marie, in «Maria», III, 168.
Ivi, 168.
Ivi, 169.
6 Tra le varie pubblicazioni in merito: Il mio ideale: Gesù Figlio di MariaLa devozione a MariaLa vita di unione a Maria; ecc. già tradotte in varie lingue.
7 Neubert E., La devozione a Maria, Milano 1952, 26.
Ivi, 27-28.
L'esprit de notre fondation, I, 121.
10 Barré A., C.S.Sp., Spiritualité Mariale du Venerable Pere Libern in «Maria», III, 390.
11 Ivi, 390
12 Poesia: Gesù diletto mio, ricorda, in «Storia di un'anima», Torino 1943, 423.
13 Manoscritti autobiografici, 210.
14 Ivi, 203.
15 Poesia: Perché T'amo, o Maria, in «Storia di un'anima», Torino 1943, 450.
16 Invito all'Amore. Il Messaggio del Cuore di Gesù al mondoe la sua messaggera Suor Josefa Menendez, Torino 1948, 401.
17 Ivi, 402.
18 Autobiografia, 115.
19 Ivi, 146.
20 Ivi, 98
21 Ivi, 109.
22 Jacobs 0., Don Edoardo Poppe, 226.
23 Ivi, 234.
24 Ivi, 236-237.
25 Ivi, 223.
26 Neubert E., Le Père Joseph Schellhorn, 118.
27 Alda Marcel, ... de Maria... à la Trinité, 303.
28 Ivi, 305.
29 Ivi, 306-326.
30 Ivi, 327.
31 Ivi, 329.

MARIA VITA DELL'ANIMA di Padre Severino M. Ragazzini


1. Onnipotenza supplice
è ormai tradizionale nella Chiesa Cattolica il rivolgersi alla Madonna come ad una mamma onnipotente nelle sue suppliche: «Omnipotentia supplex».
Per misurare, infatti, il valore della sua preghiera in cielo, devo considerare il posto privilegiato che occupa al cospetto dell'Altissimo, posto che è in strettissimo rapporto a quello occupato in terra a fianco del Redentore nell'opera della Restaurazione Universale.
L'Altissimo ha voluto servirsi di Lei in maniera a volte miracolosa per le sue opere più divine, facendo di Lei lo strumento della Divinità. Quale forza quindi acquisteranno ì suoi desideri presso il Trono dell'Onnipotente? E sarà esagerato dire ché quanto Ella desidera, Iddio lo vuole?
Se Mosè, in forza della sua preghiera, poté fermare la collera di Dio sul popolo d'Israele, in maniera tale che l'Altissimo, non potendogli resistere, lo pregò di interrompere le suppliche e di lasciarlo libero nella sua collera per la punizione del popolo ribelle, che cosa devo pensare delle suppliche e della intercessione di Maria la quale è più potente, presso la Maestà di Dio, delle preghiere di tutti gli Angeli e di tutti i Santi del Cielo e della terra?
La preghiera della Madonna è quindi la preghiera della Regina, di Colei che prega dall'alto della sua dignità, la più eccelsa fra le sue creature, avvalendosi di tutti i titoli che possono far violenza sull'Onnipotente, primo fra tutti quello di chiamarsi, con tutti i diritti ed esclusivamente, Madre di Colui del quale solo Iddio si chiama Padre.
In forza della sua Maternità Divina, volgendosi a Cristo potrebbe anche, in certo qual modo, imporsi, come a volte si può imporre una mamma. Ma non le è certo necessario. Una mamma ha mille risorse sulle quali far leva e tutte hanno la stessa efficacia.
è quanto mai consolante per l'anima sapere che la Madonna davanti all'Altissimo potrebbe assumere un atteggiamento come questo: tu sai ch'io sono Maria e conosci quanto ho fatto nella pienezza dei tempi per tuo Figlio. Sono io che ti prego per i figli che ho generato nel nostro Figlio. Questi figli erano miseri ai tuoi occhi, ma ora a te e a me sono divenuti cari e preziosi. Te li raccomando dunque, perché formano tutto il mio cuore. Essi sono più tuoi che miei, poiché tu li possiedi per natura e per Grazia. Ricevili dunque, come ricevesti me e se ti sono debitori di qualche cosa, metti tutto nel mio conto. è forse necessario che io ti ricordi che tu mi devi il tuo Cristo? Dà dunque al mio Cuore la consolazione di salvare tutti i figli che abbiamo in Lui.
Il suo atteggiamento supplice, inoltre, è reso più insistente e più impegnativo, perché dettato dalla responsabilità che Essa sente verso tutta la cristianità. è veramente tutta l'umanità che prega in Maria, la quale, agli occhi di Dio, rappresenta la cristianità in preghiera, essendo Essa quanto di migliore la nostra stirpe può presentare a Dio.
Finalmente efficacissima è la sua intercessione perché coincide perfet-tamente coi disegni di Dio.
Nessuno, meglio di Lei, sa congiungere ed unificare le sue richieste e le nostre con quelle del Salvatore, attuando perfettamente quanto Cristo ha desiderato.
Prega in nome di Cristo, in quella forma che Cristo ha scelto per la sua preghiera. Soprattutto con la sua preghiera intende e vuole che Cristo viva in tutte le anime e perennemente per la gloria del Padre.
Del resto, per convincersi della assoluta efficacia della sua intercessione, dovrebbe essere sufficiente riflettere che la sua voce è nota e graditissima a Dio: la pura melodia di quel linguaggio ha sostenuto, confortato ed allietato Cristo dal Presepe al Calvario. Ora, nella Gloria, ne ripete perennemente la parte che riguarda i figli, pregando per le loro necessità materiali: «Guarda, non hanno più vino»; per la loro santificazione: «Riempi di ogni Grazia i famelici e, memore della tua misericordia, accogli Israele tuo Figlio»; per la remissione dei loro peccati: «Padre, perdona loro, perché non sanno ciò che fanno».
Dopo queste considerazioni, sarà forse esagerato porre sulle labbra dell'Altissimo, chinato verso la Madonna, le parole: «Mi sono impegnato con giuramento a concederti quanto mi chiederai; chiedimi quanto desideri ed io ti soddisferò fino a condividere con te il mio regno».

2. Intercessione universale
Le suppliche della Madonna non solo sono onnipotenti nella loro efficacia, ma sono pure universali nella loro estensione: nessuna necessità le sfugge, a tutte e singole le necessità è rivolto il suo materno interessamento.
Forse è un po' difficile per noi comprendere come sia possibile tale universale conoscenza ed interessamento. Per questo, non sarà forse inutile richiamare alla mente alcune indispensabili nozioni sullo stato di beatitudine del quale la Madonna gode in Cielo. Cristo, anche durante la sua vita mortale, tutto vedeva nella Essenza Divina, in essa e per essa, non solo poteva vedere e pensare a tutti contemporaneamente, ma anche a ciascuno in particolare, continua-mente e distintamente.
Qualche cosa di simile, ma non proprio del tutto, in Maria durante la sua vita terrena. La sua intelligenza non godeva propriamente della visione nella Essenza Divina, ma piuttosto si volgeva verso di noi alla luce delle intenzioni che Iddio le accordava.
Per quanto vasta e profonda quindi la sua mente, non ci seguiva forse che globalmente, forse in maniera piuttosto indiretta, anche se così accorata e materna. Il suo amore verso ciascuno di noi superava immensamente il suo pensiero.
Ma ora il tempo e lo spazio non frappongono più alcun ostacolo e limite alla visione della Vergine. Ora si attua in un altro piano: nella luce della gloria.
In quello stato, la sua prima attività è quella di vedere Iddio ed amarlo. Ma Ella è così essenzialmente Madre che non può fare a meno di vedere in Dio tutti i suoi figli e di amarli in Lui. Li vede come li vede Iddio stesso.
Li porta continuamente nel suo cuore, come li porta Iddio stesso: veramente nulla c'è di più importante per Lei e nulla di più vantaggioso per noi di questo sguardo e di questa, tenerezza, con la quale continuamente ci circonda.
Veramente, nella gloria, questo non è condizione esclusiva della Madonna: è pure partecipata - in certa misura - dai beati.
Ma anche qui Maria è in una posizione privilegiata.
La vita intima di Dio, con tutti i suoi segreti, si vede chiaramente nel Verbo, come nel Verbo gli eletti contemplano Iddio faccia a faccia. Per questa ragione, l'anima umana di Gesù, unita personalmente al Verbo, gode, come nessun altro, di questa intimità e visione.
Vicinissima a Cristo, immensa-mente sopra tutti i beati comprensori, Maria, Madre del Verbo, gode ineffabilmente di tale funzione divina insieme a Cristo: la gloria di Dio la illumina al sommo grado, poiché la qua luce è l'Agnello che Ella ha nutrito.
Partecipando in queste proporzioni all'eterno presente in cui si spiega il pensiero del suo Dio, la Madonna vi legge la sorte di ciascuno dei suoi figli, la cui moltitudine non è più innumerevole al suo spirito, potendo seguirli distintamente uno ad uno in partico-lare e continuamente.
Anche la mia vita ha i suoi segreti che, almeno in parte, sfuggono anche a me stesso e mi rendono impenetrabile agli altri. Lo sguardo di Maria non si arresta: in Dio mi penetra più di quanto io possa penetrare me stesso.
Il segreto dei segreti poi, ossia la mia predestinazione, che mi assilla come una incognita spaventosa, è l'inviolabile arcano di Dio che porterò con me nella tomba. Solo la Madonna può spingere il suo occhio materno sotto quel velo impenetrabile: Essa vede chia-ramente e distintamente come, coloro che Iddio ha preconosciuti, sono anche stati predestinati ad essere conformi all'immagine del Figlio di Dio e suo; e quelli che Iddio ha predestinati sono anche stati chiamati, i chiamati poi sono stati giustificati e si avviano alla glorificazione.
Nulla può distrarre Maria da questa contemplazione. Momento per momento, Ella vede affluire a Dio tutti i fratelli del Verbo Incarnato - «primogenitus in multis fratribus» -, il Corpo Mistico che Cristo porta con sè e che la Madre divina è incaricata di generare alla vita eterna.
A questa presenza spirituale di Madre, nella Essenza Divina, nulla può sfuggire. Che cosa infatti una madre non vorrebbe sapere dei figli che ha messo al mondo o che ancora concepisce e rigenera nel suo seno?
è così che la Madonna - anche se sono i Santi che intercedono, perché direttamente invocati dai fedeli -, è informata di tutto ciò che si prepara o si compie in tutti i membri di Gesù Cristo.
è così che maternamente può fare attenzione a tutto. è così che tutto può prevedere e con la sua intercessione a tutto provvedere, avvalorando anche, con la sua intercessione universale, quella di tutti i Santi.

Inmaculada Madre del Divino Corazón Eucarístico de Jesús, Salta, Argentina

Mensajes que la Inmaculada Madre del Divino Corazón Eucarístico de Jesús
está dando en la ciudad de Salta, República Argentina, desde el año 1990
a la Sra. María Livia Galliano de Obeid








MENSAJES DADOS POR

LA  SANTISIMA VIRGEN

01/01/1997 al 13/09/97

Salta - Argentina


1 DE ENERO DE 1997

¡Yo soy la Madre de Dios!
He puesto mis ojos y mi Corazón en mis hijos de todo el mundo.
Guardo en mi Inmaculado Corazón a todos mis hijos dispersos en el mundo entero.
Por Voluntad del Señor permanezco con vosotros, para exhortarlos a una urgente conversión.
Oren mis hijitos, oren siempre, no se separen del Santo Rosario.
Hoy sean benditos y que descienda sobre todos mis hijos en el mundo entero la Paz, el Amor y la Bendición del Señor.
Amén. Amén. Amén.

8 DE ENERO DE 1997

Amados hijos:
Refugiaos en Mí que soy vuestra Madre amorosa.
No busquéis soluciones momentáneas a vuestras preocupaciones, pensando como piensa el mundo, pues os cargaríais de inútiles cargas espirituales. Pensad que vosotros sois Hijos de Dios y servidores de Jesucristo. Mirad a su Divino Corazón Eucarístico, ofrecedle todo el amor de vuestros corazones y os sentiréis aliviados en vuestras cargas y preocupaciones y la Paz y la alegría volverá a vuestras vidas.
Os Amo a todos inmensamente
Amén .Amén .Amén.

10 DE ENERO DE 1997

Mis hijos:
¡Orad y ayunad!
Levantad el corazón al Cielo.
No prestéis atención a las cosas que no tienen importancia pedid fortaleza y perseverancia para orar.
No descuidéis la caridad hacia el prójimo, tened conciencia del Bien y cuidaos de satanás que se presenta seductor y mentiroso para tentarlos, si oráis, su poder no los alcanzará, Yo estoy orando por todos ustedes.
Amén. Amén. Amén.

19 DE ENERO DE 1997

Hijos míos:
¡Os estoy esperando! día a día. Acudid a Mí y amparaos en mi Inmaculado Corazón, deseo derramar en vosotros mis bendiciones.
Crece en vuestros corazones la necesidad de amor, porque ustedes mis hijos viven en un mundo donde lo material parece ser lo esencial para ser felices.
He venido a transformarlos interiormente con el calor de mi AMOR Maternal, Y comprendáis y améis el Divino Corazón de Jesús.

21 DE ENERO DE 1997

Mis hijitos:
¡Preparaos! en este tiempo de conversión. Abrid vuestros corazones con la oración.
Orad al Espíritu Santo para que su Luz y su Amor guíe vuestros pasos.
¡Despertad! y orad constantemente y no sucumbiréis.
¡Alabado sea Jesucristo!
Amén. Amén.

24 DE ENERO DE 1997

NUESTRA PURISIMA MADRE SIEMPRE VIRGEN MARIA nos dice así:
Deseo derramar en todos mis hijos inmensas Gracias, os pido oración constante, para este tiempo de conversión.
He venido a despertar en todos vosotros, verdadero amor al Señor.
Que la Paz y el Amor del Señor os acompañe y se extienda al mundo entero.
Amén. Amén.

25 DE ENERO DE 1997

Mis hijitos consagraos a mi Inmaculado Corazón.
Predicad esta CONSAGRACION.
“PURISIMA” Madre mía, quiero consagrarte mi CORAZON, mi VOLUNTAD, mi VIDA ENTERA.
Llévame al Corazón de tu Divino HIJO JESUS, para que EL habite en mí.
Quiero ser totalmente tuyo Madre mía y a partir de hoy servirte fielmente en lo que me mandes.
Sé dulce compañía en mi vida, no permitas que jamás me separe de Tí y en la hora de la muerte ven a buscarme para gozar de la eternidad en tu compañía.
“Bendita y alabada seas por siempre Madre mía”.
Amén.

31 DE ENERO DE 1997

¡Alabado sea el Señor!.
Benditos hijos míos, deseo fervientemente que oréis todos juntos al Espíritu Santo para que la fuerza de la oración impida las guerras, el hambre, el sufrimiento y los desastres en la naturaleza.
No abandonéis vuestra vida cristiana, procuraos tiempo durante el día para orar, acordaos de este pedido mío, para que nazca en vuestros corazones el deseo de orar, y orad con fuerzas al Altísimo por esta misión, de manera que satanás no pueda ganar más almas.
¡Gloria a Dios!
Amén.

25 DE FEBRERO DE 1997

Estaba rezando el Santo Rosario frente a la imagen de la Ssma. Virgen del Rosario y vi en su frente algo oscuro, la forma de esto era como de cruz.
Después de la Santa Comunión, la Ssma. Virgen me dijo.
Hija:
La cruz de ceniza que ves en mi frente es signo de conversión y penitencia que os pido a todos mis hijos en este tiempo tan especial de Cuaresma.
Arrepentíos de vuestros pecados y purificad los corazones, no dejéis pasar los días.
¡Preparaos para el Señor!
El os está llamando, id a su Sacratísimo Corazón, no lo ofendáis más.
En este día tan especial os bendeciré con el inmenso Amor de mi Corazón Inmaculado.
Amén. Amén.

1 DE JUNIO DE 1997

(Solemnidad de Corpus Christi)
Estando en oración vi a Nuestro Señor con gran magnificencia, gloria y esplendor.
El me llamó por mi nombre.
María:  y dijo después ¡mírame...!
Y vi en su pecho el impresionante Corazón de carne, rojo sangrante y palpitante. Sentí un inmenso calor como si estuviera dentro de una hoguera que me quemaba toda. Y  a la vez una beatitud grande levantó mi alma hacia El.
Comprendí que el Señor ¿no sé como? me había introducido en su Sagrado Corazón, allí sentí a la luz perfecta de Dios, la dulzura y suavidad de su AMOR.
El Señor dijo: escucha con atención este mandato de mi Infinita Providencia.
Adoradme y honradme por sobre todas las cosas en reparación y desagravio por los ultrajes, olvidos y sacrilegios que diariamente se cometen en el mundo entero al Sacramento de mi Divino Amor.
CONSAGRAOS A MI SACRATISIMO CORAZON EUCARISTICO Y AL INMACULADO CORAZON DE MARIA, QUE EL MUNDO ENTERO SEA CONSAGRADO.
Que sea conocida, propagada y llevada a cabo la "Adoración al Santísimo Sacramento, como verdadera devoción a mi Corazón vivo y presente en la Sagrada Eucaristía".
Es tan grande mi Amor por las almas hija mía, que abriré las puertas del Cielo a todo aquel que me reciba y me complazca.
Te bendigo hija mía con la fuerza de mi AMOR.

6 DE JUNIO DE 1997

(Solemnidad del Sagrado Corazón)
El  Señor  dijo:
¡Sed  todos  míos! Abandonaos todos a Mí.
¡Confiad  plenamente en Mí!.
Acudid al fuego de mi Infinita Caridad.

16 DE JULIO DE 1997

¡¡Benditos sean mis hijos en  el Sacratísimo Corazón Eucarístico de Jesús!!
Amén. Amén. Amén.

15 DE AGOSTO DE 1997

¡Alabado sea El Señor!.
En este día tan especial, os bendigo mis hijitos.
Yo soy la Madre de Jesús y vuestra Madre del Cielo.
Haceos pequeños y humildes en este día y consagraos a mi Inmaculado Corazón.
¡Convertíos mis hijos al Señor!.
Amaos los unos a los otros con un corazón sincero, que el perdón sea luz en vuestros corazones, y así el Señor os bendecirá abundantemente.
Abandonaos mis hijitos al Amor del Divino Corazón.
Consagraos todos a su Divino Corazón, con un corazón limpio y puro. Orad mis hijitos, orad por esta intención.
¡Bendito y adorado sea el Divino Corazón!.
Permaneced en el Amor ardiente del Divino Corazón.
Benditos sean mis hijos.
Amén. Aleluya. Amén. Aleluya.

29 DE  AGOSTO DE 1997

¡Alabado sea El Señor!.
Si los hombres no se convierten y escuchan al Señor, muchas guerras y pestes azotarán a la humanidad, diles que vuelvan a Dios, que escuchen su Palabra, que recen el Santo Rosario, todos los días. Muchos corazones están muy endurecidos y muchos oídos permanecen sordos a mis mensajes. Deseo ser escuchada, orad por esta intención..."Oraré al Señor por tus intenciones". Bendita seas hija de mi Corazón.
Amén. Amén.

13 DE SETIEMBRE DE 1997

¡Alabado sea Jesucristo!
En este día tan especial en que honráis a la Madre de Dios  deseo derramar abundantes bendiciones a todos mis hijos, especialmente a aquellos que sufren y están afligidos.
Deseo consolarlos y animarlos con el Amor de mi Purísimo Corazón. Acudid a la Madre, mis pequeños hijitos y todos serán saciados en el refugio de mi Corazón Inmaculado.
En estos días los invito a orar con el corazón, recogedlo en el Amor del Divino Corazón de Jesús.
Orad para que se ablanden los corazones rebeldes.
Lean mis mensajes, léanlos con un corazón puro, ellos son un medio poderoso para llevarlos  al Sacratísimo Corazón Eucarístico de Jesús, donde está la Salvación y Santificación de las almas.
Convertíos en verdaderos amigos de Jesús.
Predica esto, hija mía, predícalo al mundo entero.
¡Benditos sean mis hijos!.
Amén. Aleluya. Amén. Aleluya.

En el año 1990 comienzan las apariciones de la Santísima Virgen en Salta ( Argentina) a la vidente María Livia, quien durante 5 años guarda silencio.

En 1995 tuvo la aparición de Jesús que se presenta diciendo “YO SOY EL SACRATISIMO CORAZON EUCARISTICO DE JESUS…” y le hace sentir el dolor físico de su corazón.


En 1996 la Virgen devela su nombre “SOY LA INMACULADA MADRE DEL DIVINO CORAZÓN EUCARÍSTICO DE JESÚS. También se la conoce bajo el nombre de Virgen de los Tres Cerritos.

Es una de las mas importantes apariciones de las últimas décadas y tiene una característica única: es una aparición “cristocéntrica”, ya que cuando aparece María inmedatamente aparece Jesús con ella.

PRESENCIA INICIAL

María Livia Galliano de Obeid es una mujer casada desde el año 1970, madre de tres hijos. Su vida hasta el año 1990 fue muy simple, como ama de casa cumpliendo sus deberes y llevando una vida muy tranquila y feliz en su hogar con su esposo y sus hijos.
Ella nunca imaginó ver a la Virgen y nunca lo pidió.
A principios del año 1990 comienza a tener las primeras manifestaciones sobrenaturales, siendo ella misma la primera sorprendida. leer...